Dopo nemmeno cinquant’anni dalla nascita della stretta alleanza nota come Federazione Maliana, la sua utilità viene dimostrata senza ombra di dubbio da un grave pericolo: istigati (pare) dalla classe sacerdotale locale molti Principi Gallessani uniscono le loro forze per tentare l’invasione delle penisola di Malia.

Dopo qualche sconfitta iniziale le forze Maliane iniziano a reagire. I Galessani perdono tempo ad assediare le solide cittadelle sparse per le penisola, e danno tempo al Senato di organizzare eserciti ben addestrati e ben armati. Uno dopo l’altro gli assedi vengono spezzati e i Principi devono ritirarsi dalle città che già speravano di ottenere come preda delle loro imprese.

Quando si arriva allo scontro campale, presso l’odierna Campofiorito, l’armata Gallessana va nel panico e viene in parte distrutta e in parte presa prigioniera, mentre ben pochi riescono a fuggire.

Il Senato, apprendendo che le terre di Gallesse sono ormai sguarnite di guerrieri, ordina all’esercito di procedere in territorio nemico, di occupare castelli e rocche e impadronirsene in modo stabile, di raggiungere accordi di mutuo vantaggio e alleanza stabile con i Principi e le tribù che accettano di sottomettersi e di proseguire la guerra in modo spietato contro chi resiste. Nel giro di pochi anni le forze Maliane riescono ad avere la meglio su di una resistenza incerta e divisa.

Circa la metà del territorio Gallessano a quel punto è alleata, e viene offerta a tali popoli parità di trattamento con i Maliani. L’altra metà si trova invece sottomessa a un duro giogo, e dovrà guadagnarsi nel tempo la piena cittadinanza, dimostrandosi fedele, fornendo tributi e soprattutto truppe nelle guerre successive contro le tribù di Alba in soccorso degli alleati Isolani e a supporto dell’espansione Maliana nella penisola dell’Ovest. Ci vorranno secoli perché anche le tribù più riottose ottengano infine parità di trattamento, concessione che verrà elargita dal Senato alla vigilia dello scoppio della guerra contro la Coalizione della Costa, nel Continente Meridionale.

Share: